CONTENUTO DELLA PAGINA

CULTURA E TURISMO

CULTURA E TURISMO

LA STORIA

ITALIANO

La massiccia presenza delle testimonianze di primitive attività antropiche sparse in tutto il territorio, dimostrano con assoluta certezza la presenza dell'uomo sin dai tempi arcaici del neolitico. Particolarmente significativi i ritrovamenti nelle cavità carsiche di Conca de Omines Agrestes e di Conca de Crapas nella montagna, oltre che le numerosissime domus de janas. La circostanza è probabilmente giustificata dalla spiccata propensione del sottosuolo allo sfruttamento dei giaci-menti minerari di blenda (zinco) e di galena (piombo argentifero).
È la presenza di concheddas (nome locale delle domus de janas) vicino ai siti minerari di Sos Enatos, a far supporre appunto l'esistenza delle attività estrattive sin dai tempi più remoti.

Archeologia

A Lula esistono inoltre diverse testimonianze appartenenti al periodo nuragico ed a questo di poco precedente. Si trovano infatti diversi siti tra cui:

  • il villaggio nuragico di Punta Casteddu nell'estremo versante sud del Mont'Albo;
  • un nuraghe cosiddetto a corridoio sito in località Pretichinosu risalente al periodo precedente all'età del bronzo;
  • un quadrilobato in località Colovros;
  • il particolarissimo nuraghe di Litu Ertiches anch'esso nel Mont'Albo, completamente costruito con massi di pietra calcarea;
  • altri insediamenti quali quello di Santu Marcu, di S'Aliterraglia, ecc.;
  • si trovano anche diverse tombe di giganti dislocate in diversi punti del territorio comunale.

Prima dell'intervento distruttivo da parte dei tombaroli nei primi anni del '90, si trovava pure, in località Untana 'e Deus, quello che era considerato un esempio quasi unico di luogo-tempio per il culto dell'acqua.

Purtroppo, probabilmente a causa del-la scarsità di interventi economici da parte degli enti preposti, tutti questi monumenti non hanno, nel tempo, subito interventi di recupero e pertanto, attualmente, non risultano essere visitabili.

Miniere

Discorso a parte va indirizzato ai monumenti di archeologia industriale. Lula infatti ha un passato minerario legato allo sfruttamento delle miniere di Sos Enathos, Gusurra, S'Arghentarìa e Nurai. Tali siti, dedicati alle coltivazioni estrattive sin dai tempi più remoti, hanno avuto dei picchi di lavorazione nel periodo della dominazione romana e successivamente nel secolo XIX°. Hanno poi subito una sospensione nel periodo dei due conflitti mondiali per poi essere riattivate nei primi anni 50 del novecento e quindi dismesse definitivamente alla fine degli anni ‘90.

La storia di queste miniere è inoltre legata alle importanti lotte per la conquista dei diritti dei lavoratori. Nell'aprile del 1899 iniziò proprio in questo luogo quello che è ritenuto il primo sciopero d'Italia, finito tragicamente alcuni anni dopo nelle miniere di Bugerru, centro minerario della Sardegna sud occidentale. Questi siti so-no stati riconosciuti dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità e fanno attualmente parte dei percorsi del Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna.

SARDU

S'istòria

Sa presèntzia manna de testimonias antigas isparghinadas in totu su sartu, faghent cumprèndere chi s'òmine fiat presente finas dae sos tempos arcàicos de su neolìticu. Est de importu mannu su chi ant agatadu in sas concas càrsicas de ''Conca de Òmines Agrestes'' e de ''Conca de Crapas'' in su monte, e in prus unu tantu mannu de concheddas. Fàtzile chi custu dipendat dae unu sartu ricu de cumbènias mineràrias, custas concheddas difatis sunt a curtzu a sos sitos mineràrios de Sos Enatos, e faghent supònnere chi sos minerales siant istados isfrutados dae tempus antigu.

Archeologia
In Lùvula b'at in prus testimonias meda de su tempus nuràgicu, tocat de mentovare unos cantos sitos:
su giassu nuràgicu de Punta Casteddu, in s'ala sud de su Mont'Albu
unu nuraghe a curridòriu, in cussòrgia Pretichinosu chi est de su tempus in antis de s'edade de su brunzu.
Unu cuadrilobadu in cussòglia Colovros
Su nuraghe particulare medade de Litu Ertiches, in su monte etotu, fraigadu petzi a contones de pedra calcàrea
tocat de ammentare carchi àteru logu ue b'at testimonias de importu che a Santu Marcu, S'Aliterraglia etc.
B'at finas unas cantas tumbas de sos gigantes, isparghinadas ini su sartu de Lùvula.
In antis de su disacatu chi ant fatu sos tumbarolos in sos annos a pustis de su 1990, bi fiat in Untana 'e Deus su chi fiat cunsideradu unu situ ùnicu pro su cultu de sas abbas.
A dolu mannu, pro neghe de su pagu interessu e de sos interventos econòmicos de nudda de sos Entes dispostos, totu custos monumentos no ant mai tentu possibilidade de èssere recuperados, e dae custu non benit bene a los bisitare.

Minas
Una chistione a banda est sa de sos monumentos de archeologia industriale. Difatis Lùvula dae semper at isfrutadu sas minas de Sos Enathos, Gusurra, S'Arghentaria, e Nurai: in custos sitos impitados dae antigòriu, ant àpidu su tempus prus bonu in su tempus de sos Romanos e tando in su sèculu de XIX. Los ant arressos in su tempus de sas gherras mundiales, e torrados a impreare dae sos annos 50 in susu, in antis de las serrare de una bia a sa fine de sos annos 90.
S'istòria de custas minas, est intritzida a sas batallas pro sa conchista de sos deretos de sos traballadores. In su mese de abrile de su 1899 est comintzada in custu logu su chi si narat chi est su primu isciòperu de Itàlia, acumpridu in errore unos cantos annos a pustis in sas minas de Buggerru, in sa Sardigna de bassu. Custos sitos sunt reconnotos dae s'UNESCO comente patrimòniu de s'umanidade e sunt parte de sos percursos de su Parcu Geo mineràriu Istòricu Ambientale de sa Sardigna.

Torna all'inizio della pagina

AIUTI, SOTTOMENU DELLA PAGINA E ALTRE SEZIONI DEL SITO

Torna all'inizio della pagina